OPERE STORICHE

Opere StoricheNel mio fare pittura metto in relazione molte cose, tra cui: la mia storia (penso che non si possa descrivere il mondo se non si comincia dalle proprie radici), la storia dell'arte. Lo spazio ed il tempo che compongono la realta' e forgiano il quadro nel ricordo.
Penso all'opera prima di realizzarla. Tuttavia, se nella mente si e' gia' formata un'idea, mentre dipingo seguo il pensiero che puo' cambiare da un momento all'altro.
Il quadro e' l'oggetto tangibile, la misura della mia conoscenza dei fattori sopra elencati, lo scopo del mio atto. Alla fine vivra' di vita propria, subendo i mutamenti di chi lo guarda (1964).

Sergio Zen. Nessun giorno e' senza colori. Taccuini 1957-1997. Campanotto Editore Pasian di Prato, 1998, Udine.

 

ALCUNE OPERE A DISPOSIZIONE

Alcune Opere DisponibiliLa costante linguistica che percorre tutto il lavoro di Zen dell'ultimo decennio e che si e' ancora piu' accentuata negli ultimi anni, e' l'irrequietezza del segno. Quel movimento e sommovimento, nelle stratificazioni che si sovrappongono e si lasciano scorgere, che conferma tutto quanto si e' detto su una inquietudine che non sfocia mai nella drammaticita', ma coglie le tensioni come stimolo per nuove sfide, in una interrogazione della pittura che non conosce limiti.

Giovanni M. Accame. Sergio Zen. Il colore come emozione e riflessione. Catalogo Galleria Artistudio, 2002, Milano.

 

NESSUN GIORNO E' SENZA COLORI

Il libero e’ uscito nel 1998 per le edizioni Campanotto, Pasian di Prato, Udine – Sergio Zen – Nessun giorno senza colori – Taccuini 1957-1997

Lo potete trovare on line su Internet Bookshop Italia (www.iBS.it)
Cliccate qui per andare direttamente sui dettagli del libro

VITA A COLORI

E' uscito il Volume Sergio Zen, Vita a colori. Opere 1960 1995. Testo di Luigi Lambertini, Edizioni Studio Marco Zen, Valdagno.

HANNO SCRITTO DI LUI

Giovanni M. Accame, Luca Baldin, Flavio Caroli, Giorgio Di Genova, Floriana Donati, Salvatore Fazia, Carla C. Frigo, Luigi Lambertini, Salvatore Maugeri, Giuliano Menato, Angelo Mistrangelo, Guido Perocco, Giorgio Segato.